Seguici su facebook
Inglese English |  Deutsch Deutsch |  Francais Francais img
AbiesMap


      VenetoCampaniaSardegnaPiemonteToscana

 

Sagre e feste
Escursione trenino Verde
Viaggio in TRENINO VERDE, linea Mandas Belvì, suggestivo intinerario tra monti e vallate rigogliose. Arrivo alla stazone di Belvì. Passeggiata alla scoperta degli artigiani locali...

Stintino, apre il Museo delle arti e dei mestieri
Stintino, apre il “Museo delle arti e dei mestieri”
dal 12 luglio al 9 settembre 2014 - Stintino...

Caviale Calvisius
Costa Smeralda. Caviale Calvisius: il caviale e le auto più esclusive al mondo
dal 19 luglio al 30 settembre 2014...

Sagra degli gnocchi
Sagra degli gnocchetti galluresi. 1 Agosto alle 21 in Piazza Risorgimento ad Arzachena...

Dromos Festival
Sedicesima edizione del Dromos Festival alla scoperta de "I giardini dell'Eden", dal 16 luglio al 16 agosto 2014
Oristano. Tanta musica, arti visive, incontri e proiezioni...

Festa dei Candelieri
Sassari si appresta a rinnovare il suo appuntamento con la tradizione, scrivendo una pagina importante della sua storia. La discesa dei Candelieri, ovvero la "festa grande" dei sassaresi...






Spedizione compresa nel prezzo

 
 
 

 

Agriturismo Guthiddai
Oliena

 

Servizi Turistici

 

Viaggi e Trekking online

 
Olbest

 

Servizi naturalistici
 
 
Sardegna a 360 ° 

Mediterranea Adventure

Gorropu

 

Altri servizi

  Book Shop

 

 

 

Powered By AbiesMap

Sagra della salsiccia

Sagra della salsiccia e del novello a Siligo (SS) domenica 2 dicembre 2013

Questa manifestazione è nata nel 1980, ad opera della Pro Loco, con risvolti importanti per la sviluppo e produzione del lavoro locale. La salsiccia, realizzata con suini di produzione silighese. dando quindi un contributo economico agli allevatori locali, è fatta secondo una ricetta tramandata di generazione in generazione ed ha riscontrato notevoli apprezzamenti da parte del numeroso pubblico che tutti gli anni interviene alla manifestazione.
Nel 2002, la produzione di salsiccia da far degustare il giorno della festa, è stata molto superiore agli anni scorsi, ma non è stata sufficiente alla richiesta del numeroso pubblico, infatti, per il 2003 è previsto il coinvolgimento dei produttori locali che da tanti anni, a livello artigianale producono la salsiccia che si può definire "prodotto di nicchia", infatti, la carne è rigorosamente tagliata a mano, condita con spezie e semi di fìnocchietti selvatici (anisi) e lasciata insaporire per tutta la notte prima di essere insaccata e affumicata.
Un altro grande successo del 2002, che verrà ripetuto nel 2003, è stata la realizzazione di oltre 1200 "cozzulas berdhas" (Focacce fatte con noci, uva passa, strutto e ciccioli di maiale, cucinate nel forno a legna).
Inoltre sarà possibile visitare la I° MOSTRA-SCAMBIO-COLLEZIONI dell'Associazione Collezionisti Olmedesi presso i locali del Centro Sociale dove saranno esposte collezioni di: numismatica, filatelia, dischi in vinile, modellismo, chiavi antiche, barattoli, candele, rosati cartoline, carte da gioco, ferri da cavallo, modellmi navi, portachiavi, pacchetti sigarette, penne, mignon liquori, libri del 20°, peluche, campanelle, ditali, immagini sacre etc Inoltre sarà presente il Gen. Bruno Antonio che esporrà modellismo aeronautico e cimeli dì guerra.


Quest'anno la "24° Festa della salsiccia e del vino" sì terrà a Siligo il 06-12-2003 con inizio dalle ore 16,00 con i contributi e la collaborazione del Comune di Siligo, dell'Assessorato Regionale All'Agricoltura e del]'E.R.S AT. di Thiesi.

Programma:
ore 9,30:

convegno- dibattito, presso l'Aula Consiliare, a cura dell'ERSAT di Thiesi, con la collaborazione della Pro Loco e del Comune dì Siligo sui tema "Salsiccia dì Siligo: tradizione e futuro";
ore 17:
esibizione dei gruppi folk di Bessude, Benetutti, Bonnanaro, "Gruppo Folk Maria Carta" di Siligo accompagnati dal fisarmonicista Michele Dimetto, dal gruppo musicale "Vendita" e dal fisarmonicista Ottavio Carta.

La Salsiccia di Siligo:

  

"Sa sartizza silighesa" è conosciuta ed apprezzata in tutta la Sardegna.
I fattori che la rendono speciale sono la ricetta originale, che viene tramandata di generazione in generazione, la scelta delle carni, provenienti da maiali allevati in loco allo stato brado ed un processo di lavorazione scrupoloso, costituito da tanti piccoli accorgimenti che rendono questa salsiccia unica ed inconfondibile....
La lavorazione inizia dalla scelta accurata delle carni del maiale che vengono tagliate a mano minuziosamente e selezionate in maniera tale da escludere le varie parti che possano indurire il prodotto finale come lardo, nervi etc....
In seguito si effettua il condimento che viene sapientemente dosato da mani esperte, costituito da sale, pepe ed un insieme di altre spezie, con l'aggiunta finale del finocchietto selvatico
-s'anisi- che dà quel tocco in più al sapore....
La mattina seguente la carne viene insaccata, ed in seguito lasciata sgocciolare e riposare per un'intera notte....
Infine le salsicce vengono poste all'interno di un camino per essere asciugate ed affumicate in maniera tale da assumere il peculiare ed inconfondibile sapore de " Sa Sartizza Silighesa"....


Fonte : http://www.mondodelgusto.it/2008/11/18/eventi-sagre-e-feste-in-sardegna-nel-mese-di-dicembre-2008/
Fonte : http://profile.myspace.com/index.cfm?fuseaction=user.viewProfile&friendID=407019799